“Rifiuti tossici x armi”, quando l’Italia diventa trafficante di Stato

“Rifiuti tossici x armi”, quando l’Italia diventa trafficante di Stato

Sversare  rifiuti tossici in cambio di armi  e denaro: sono i termini di un accordo criminale che almeno vent’anni – tra gli anni Settanta e gli anni Novanta – l’Italia ha firmato con regimi non democratici, Paesi poveri o in via di sviluppo su vecchie  carrette inabissate e camion caricati a veleni . Accordi che investono l’Africa e l’America Latina, l’Europa dell’est e il sud Italia, in cui muoiono di cancro le popolazioni e di pallottole i giornalisti che provano a raccontare. Accordi firmati da mafie e logge massoniche, imprenditori e istituzioni. Il tutto a partire da quel “disastro di Seveso” che  trasforma l’Italia in un trafficante di Stato .

Continue reading ““Rifiuti tossici x armi”, quando l’Italia diventa trafficante di Stato”
Tangentopoli petrolifera

Tangentopoli petrolifera

Danni all’ambiente, omicidi, malformazioni genetiche, traffici internazionali, tangenti e Potere: sono le parole chiave del  Potere del petrolio in Italia , nato ancor prima della Repubblica italiana stessa e sviluppatosi come potere parallelo e alternativo alle istituzioni democratiche, tanto da arrivare ad un passo dal trasformare l’Italia in un giocatore indipendente dai blocchi della Guerra fredda.
Una vera e propria  Consorteria petrolifera  che, dal 1924 ad oggi, ha comprato leggi e partiti, che manipola l’opinione pubblica arrivando persino ad eliminare giornalisti e cittadini scomodi tra comitati d’affari e uomini liberi, aerei esplosi in volo e omicidi mascherati sotto altre cause. È, questa, la storia dell’oligarchia petrolifera italiana, la storia di una tangentopoli petrolifera nata con l’omicidio di Giacomo Matteotti e ancora oggi non conclusa.

Continue reading “Tangentopoli petrolifera”